Via alpinistica del Dente del Gigante da Courmayeur in Valle d'Aosta
Foto di Franco Rostagno

Dente del Gigante

Punto di partenza

Parcheggio Skyway, Courmayeur · 1298m

Dettagli

  • Altitudine

    4013 m

  • Dislivello

    664 m

  • Lunghezza andata

    3,0 km

  • Giorni

    Uno

  • Durata andata

    3h30

  • Difficoltà

    AD

  • Esposizione

    Sud-Ovest

  • Sentieri

    Ometti di pietra

Il luogo

Sicuramente una delle punte più caratteristiche dell’intera Valle d’Aosta e delle Alpi, il Dente del Gigante fa parte del Massiccio del Monte Bianco ed è uno dei principali vanti di questa porzione alpina. La bellezza del luogo, così come il panorama di cui godrete dalla cima e durante la scalata, lascia davvero senza fiato!

L’itinerario per raggiungere l’attacco della via (chiamato Salle à Manger) è solitamente ben tracciato e generalmente non pericoloso, salvo qualche punto aereo da affrontare con molta attenzione, soprattutto in caso di ghiaccio. La scalata vera e propria è composta da 6 tiri di media difficoltà (alcuni passaggi sono esposti in modo quasi impressionante): i tiri sono attrezzati con corde fisse e ben visibili e coprono tutti i 125 metri che vi separano dalla vetta. In realtà, la cima del Dente è composta da due punte, la Sella e la Graham, in cui è addirittura posta una statua in bronzo della Madonna.

Per la discesa potete seguire l’itinerario di salita calandovi in doppia, oppure scendere dalla sella tra le due punte. Ovviamente, per affrontare l’ascesa al Dente del Gigante è richiesta un’ottima esperienza alpinistica e di arrampicata oltre che una buona forma fisica: consigliamo di rivolgervi ad una guida alpina.

Percorso

  • Dal parcheggio della Skyway, prendete la funivia e raggiungete la mitica Punta Helbronner. Da qui, scendete al Rifugio Torino: si parte!
  • Scendete fino al Colle del Gigante e incamminatevi sul ghiacciaio in direzione della già visibile meta.
  • Aggirando la parete Nord-Ovest dell’Aiguille Marbrées, proseguite sempre in piano, tenendo sulla destra il Col de Rochefort.
  • Ora la salita si fa più ripida e conduce ad un canalino sulla sinistra (circa 45 gradi), oltre il quale dovrete puntare verso destra, risalendo tra sfasciumi, neve e canalini, per portarvi alla destra di un grosso gendarme.
  • Proseguite sulla cresta (ci saranno alcuni ometti di pietra a guidarvi) formata da terreno misto e grossi roccioni, per poi superare una cengia aerea e alquanto pericolosa in caso di ghiaccio: questo passaggio permette di superare un grosso torrione roccioso e raggiungere la Gengiva del Gigante, la conca nevosa alla base della parete Sud del Dente.
  • Scendete per poco verso sinistra e, giunti alla Salle à Manger, affrontate la scalata formata da 6 tiri di media difficoltà, con passaggi esposti e verticali, ma ben attrezzata e, con le dovute precauzioni, sicura.
  • Raggiunta la Punta Sella, continuate sulla crestina fino a trovare la statua di bronzo della Madonna posta sulla Punta Graham: la cima del Dente del Gigante è vostra!
  • Per la discesa potete seguire l’itinerario di salita o calarvi dall’intaglio tra le due punte.
Alcune precauzioni

L’itinerario richiede una buona forma fisica ed esperienza di arrampicata ed alpinismo. fate attenzione ad alcuni tratti molto esposti durante l’avvicinamento al dente, soprattutto in caso di ghiaccio. Consigliamo di rivolgervi ad una guida alpina.

Segnalazioni
Condividi con la community eventuali problemi trovati lungo l'itinerario. Raccontaci la tua esperienza segnalando cosa hai riscontrato, dove e quando: con il tuo aiuto possiamo rendere la montagna un luogo più sicuro per tutti.

Itinerario Dente del Gigante

Map placeholder
Commenti

Le informazioni contenute nella scheda sono soggette ad immancabili variazioni, nessuna indicazione ha valore assoluto. Non è possibile evitare del tutto inesattezze o imprecisioni, in considerazione della rapidità dei cambiamenti ambientali o meteorologici che possono verificarsi. Alpitude declina ogni responsabilità per eventuali cambiamenti, imprevisti ed incidenti subiti dall’utente. Informatevi sulle buone pratiche di sicurezza dell’alpinismo e sulla sicurezza specifica delle vie ferrate. Data la natura imprevedibile della montagna, consigliamo sempre di affidarvi ad un professionista certificato.