Escursione a piedi al Lago Gelato e al Lac de Raye Chevrère da La Veulla in Valle d'Aosta
Foto di Paolo Del Mastro

Lago Gelato e Lac de Raye Chevrère

Punto di partenza

La Veulla, Champdepraz · 1285m

Dettagli

  • Altitudine

    2750 m

  • Dislivello

    1475 m

  • Lunghezza andata

    7,3 km

  • Durata andata

    4h

  • Difficoltà

    Difficile

  • Tipologia

    E

  • Sentieri

    6 e ometti di pietra

  • Cani

    Si

Il luogo

Molto lungo e a tratti difficile e ripido, il sentiero che porta al Lago Gelato e al Lac de Raye Chevrère non è di certo adatto ai meno allenati. Inoltre, come scritto nelle nostre precauzioni, una volta usciti dal bellissimo bosco di La Servaz, il sole potrà crearvi più di qualche problema, dunque consigliamo di non dimenticare acqua, cappellino e tanta crema solare!

Nonostante ciò, l’itinerario è davvero avvincente sia per gli ambienti duri e puri attraversati, sia per la vista dal Col de Raye Chevrère. Tutta la seconda parte dell’escursione si svolge sotto lo sguardo del Mont Avic e del Monte Iverta, che chiudono la conca della vallata del Chalamy, posta al confine Nord-Ovest della Valle di Champorcher: superato il Col de Raye Chevrère, infatti, vi troverete nella Val Clavalité!

Percorso

  • Dal parcheggio, seguite il segnavia 5C e raggiungete la località Magazzino.
  • Qui, al bivio, prendete il sentiero 6 sulla destra e iniziate a salire.
  • Una volta fuori dal bosco, la salita si fa ripida e faticosa: dopo vari tornanti svoltate sulla sinistra, dove parte il sentiero lastricato (leggete le precauzioni).
  • Proseguite risalendo nella pietraia e, dopo altri tornanti, avrete raggiunto il Lago Gelato!
  • Prendete il sentiero a destra e, arrivati alla casa delle guardie forestali, svoltate a sinistra: da qui in avanti ci saranno i bolli sulle rocce e gli ometti di pietra a indicarvi la giusta direzione.
  • Puntate al Colle di Chevrère e, una volta lì, risalite il canalino roccioso a sinistra: in poco tempo sarete al Lac de Raye Chevrère!
Alcune precauzioni

Il sentiero, una volta usciti dal bosco, è molto esposto al sole: consigliamo di partire molto presto. Inoltre, sconsigliamo questo itinerario nei giorni di pioggia in quanto i tratti di sentiero lastricati risultano decisamente scivolosi. Come da regolamento del Parco Regionale del Mont Avic, i cani vanno tenuti sempre al guinzaglio!

Segnalazioni
Condividi con la community eventuali problemi trovati lungo l'itinerario. Raccontaci la tua esperienza segnalando cosa hai riscontrato, dove e quando: con il tuo aiuto possiamo rendere la montagna un luogo più sicuro per tutti.

Itinerario Lago Gelato e Lac de Raye Chevrère

Map placeholder
Commenti

Le informazioni contenute nella scheda sono soggette ad immancabili variazioni, nessuna indicazione ha valore assoluto. Non è possibile evitare del tutto inesattezze o imprecisioni, in considerazione della rapidità dei cambiamenti ambientali o meteorologici che possono verificarsi. Alpitude declina ogni responsabilità per eventuali cambiamenti, imprevisti ed incidenti subiti dall’utente. Informatevi sulle buone pratiche di sicurezza del trekking in montagna. Data la natura imprevedibile della montagna, consigliamo sempre di affidarvi ad un professionista certificato.