Via ferrata del Monte Emilius da Pila in Valle d'Aosta
Foto di Emanuele Lotti

Monte Emilius | Via ferrata

Punto di partenza

Parcheggio Gorraz, Pila · 1865m

Dettagli

  • Altitudine

    3558 m

  • Dislivello

    1860 m

  • Lunghezza andata

    9,5 km

  • Giorni

    Due

  • Durata andata

    8h00

  • Difficoltà

    D

  • Esposizione

    Ovest

  • Sentieri

    16, 16A e bolli gialli

Il luogo

Lunga e molto difficile, quella che porta al Mont Emilius è sicuramente una delle vie ferrate più impegnative della Valle d’Aosta. Dato lo sviluppo complessivo, consigliamo di spezzare l’itinerario in due giorni, dormendo al Bivacco Federigo Zullo oppure al Rifugio Arbolle: ricordatevi che, oltre alla salita, dovrete affrontare anche la lunghissima discesa sulla via normale del Mont Emilius!

In generale, la ferrata tocca punti esposti e passaggi difficili, anche se, con le dovute precauzioni, i tratti attrezzati risultano sicuri. Le difficoltà maggiori sono sicuramente legate all’ambiente, in quanto la via si inserisce in un contesto alpinistico. Per percorrerla tutta serve quindi forza fisica, esperienza e la giusta attrezzatura (potrebbero servire anche i ramponi); se non vi sentite sicuri, consigliamo di contattare una guida alpina.

Il percorso risale lungo tutta la cresta Ovest dell’Emilius, la montagna simbolo di Aosta: inutile dire che, una volta in cima, il senso di appagamento e il panorama mozzafiato vi faranno dimenticare in un attimo di tutti gli sforzi fatti per raggiungere la vetta!

Percorso

  • Lasciata l’auto, prendete il sentiero 16 per il Vallone di Comboé.
  • Una volta lì, puntate alla Becca di Nona, risalendo fino al Bivacco Federigo Zullo, posto sul Col Carrel (sentiero 16A). Qui termina la prima tappa: consigliamo di dormire al bivacco, la ferrata è lunga e faticosa!
  • Subito dietro al bivacco troverete l’attacco della ferrata, che si alza sul filo di cresta con alcuni passaggi e traversi esposti ma semplici.
  • Giunti in cima al primo gendarme, disarrampicate fino allo spettacolare ponte sospeso, oltre il quale dovrete risalire fino a guadagnare la vetta del Mont Ross de Comboé.
  • Passati sul versante destro dell’Emilius, proseguite affrontando alcune placche. In questo tratto si trova l’unica via di fuga segnalata, che scende fino al Lago Gelato.
  • Alternando tratti di normale sentiero a passaggi attrezzati complicati, portatevi sulla cima del Petit Mont Emilius.
  • Da qui, continuate lungo la cresta, superando alcuni gradoni e un tratto decisamente verticale, oltre il quale il tracciato diventa più semplice.
  • Ormai ci siete, avete conquistato la ferrata del Mont Emilius!
  • Per la discesa, scendete dalla via normale che porta subito al Colle dei Tre Cappuccini.
Alcune precauzioni

La ferrata è una delle più difficili sul territorio valdostano, sia per la lunghezza complessiva, sia per i passaggi spesso duri e complessi. Inoltre, ci si muove in un ambiente decisamente esposto. L’ascesa è esclusiva dei più allenati ed esperti. Consigliamo, inoltre, di rivolgervi ad una guida alpina.

Segnalazioni
Condividi con la community eventuali problemi trovati lungo l'itinerario. Raccontaci la tua esperienza segnalando cosa hai riscontrato, dove e quando: con il tuo aiuto possiamo rendere la montagna un luogo più sicuro per tutti.

Itinerario Monte Emilius | Via ferrata

Map placeholder
Commenti

Le informazioni contenute nella scheda sono soggette ad immancabili variazioni, nessuna indicazione ha valore assoluto. Non è possibile evitare del tutto inesattezze o imprecisioni, in considerazione della rapidità dei cambiamenti ambientali o meteorologici che possono verificarsi. Alpitude declina ogni responsabilità per eventuali cambiamenti, imprevisti ed incidenti subiti dall’utente. Informatevi sulle buone pratiche di sicurezza dell’alpinismo e sulla sicurezza specifica delle vie ferrate. Data la natura imprevedibile della montagna, consigliamo sempre di affidarvi ad un professionista certificato.